Un SSD ha senso per te?

Nei dispositivi nas migliori è possibile utilizzare un SSD come cache. A volte sacrificando uno degli alloggiamenti delle unità per un SSD, ma alcuni dispositivi NAS hanno anche slot specifici per SSD cache. Ma quanto è utile adesso? O meglio: quando ha senso? Per due anni abbiamo utilizzato una cache SSD nel nostro NAS, ora stiamo facendo il punto.

Il concetto di "cache" è stato utilizzato nei computer da decenni. Ad esempio, un processore moderno ha qualcosa come la cache, ma i dischi meccanici e le unità SSD (unità a stato solido) utilizzano quasi sempre una qualche forma di cache. Una cache è semplicemente un buffer, un buffer più veloce del resto dell'hardware sottostante. Aggiungendo una memoria cache un po 'più veloce e più costosa, è possibile migliorare in modo significativo le prestazioni di una parte senza che il costo sia eccessivo.

La cache può essere utilizzata per leggere i dati più velocemente, cioè i dati richiesti sono disponibili più velocemente, ma anche per scrivere più velocemente, nel qual caso il buffer può prendere i dati più velocemente prima che i dati vengano elaborati.

Cache in un nas

Un NAS composto interamente da SSD è estremamente veloce, ma anche molto costoso. Avendo una piccola quantità di memoria SSD come cache per una quantità maggiore di memoria meccanica, puoi migliorare molto le prestazioni. Una cache ssd di lettura in un nas controlla quali file usi di più e garantisce che siano immediatamente pronti per l'uso. Oltre al guadagno di velocità, questo ha un altro vantaggio: il fatto che i tuoi dischi meccanici debbano eseguire meno azioni è positivo per la loro durata e la produzione di rumore. Una cache SSD di scrittura assicura che quando si archiviano i dati, apparentemente si scrivono i file più velocemente, mentre il nas stesso trasferisce i dati silenziosamente dalla cache alle unità meccaniche.

Più veloce e più silenzioso, ma ...

Due sistemi NAS comparabili sono stati in esecuzione per due anni, uno dei quali aveva una cache SSD. Non possiamo certo lamentarci dell'efficacia della funzione cache del nostro Synology DS918 +, un NAS a 4 vani con due slot cache-SSD. Dopo circa due mesi di utilizzo, circa un terzo di tutti i dati che abbiamo richiesto proveniva dalla cache e quella percentuale è ora salita a oltre il 90 percento. Anche se ovviamente sarà diverso in base allo scenario di utilizzo, riteniamo comunque che questo sia un segnale molto positivo. E stiamo parlando di soli 256 GB di cache SSD su 32 TB di dischi rigidi.

Tuttavia, ci chiediamo fino a che punto tale profitto sia davvero notevole. Anche l'apertura di una cartella di foto sul NAS senza cache sembra liscia. Solo perché ci capita di essere in grado di confrontare entrambe le situazioni, una differenza è davvero evidente, ma stimiamo la possibilità che come utente finale diventi improvvisamente entusiasta del miglioramento delle prestazioni. E mentre il nas della cache ssd è decisamente più silenzioso, non è ancora un dispositivo che vuoi mettere nel raggio dell'udito. Siamo ancora più critici riguardo alla cache di scrittura, qual è il punto di un buffer di scrittura extra veloce quando il collo di bottiglia del trasferimento dei dati è la tua rete gigabit? Solo gli appassionati con una rete multi-gigabit e NAS multi-gigabit traggono davvero vantaggio da una tale cache di scrittura.

Considerazioni complesse

Quindi la realtà è che il profitto e l'utilità di una cache SSD dipendono molto dallo scenario in cui ti trovi. Il rumore del disco rigido è una cosa nella tua zona? Quindi il vantaggio di una cache SSD è molto interessante solo per questo motivo. Se non hai intenzione di aggiornare il tuo gigabit nas e la rete, allora il guadagno di velocità non è esattamente qualcosa per cui correre al negozio. E per alcuni dispositivi Nas gioca anche un ruolo che devi sacrificare uno dei tuoi normali alloggiamenti per unità per questo. Quindi una cache SSD non è nemmeno un'opzione praticabile per tutti.

Conclusione

Sebbene ci siano alcuni intoppi nel concetto, non dobbiamo dimenticare che gli SSD non sono molto costosi di questi tempi e che con una cache SSD facciamo anche qualcosa di veramente cruciale: alleggeriamo una delle parti più vulnerabili con un rischio di guasto relativamente alto: il disco rigido meccanico. Ora dovresti sempre avere comunque un backup del tuo NAS, ma se puoi alleggerire queste parti per una quantità modesta, il tuo nas diventa più silenzioso e ottieni qualche prestazione extra, diciamo: se hai spazio per una cache- ssd non è davvero una cattiva idea!

Alternativa: dai a un SSD la sua cartella

Invece di utilizzare un SSD come cache per l'intero NAS, puoi anche considerare di aggiungere un SSD al tuo NAS e assegnargli la propria cartella all'interno della tua rete. Il prezzo degli SSD è diminuito ei modelli da 1 o 2 TB sono molto convenienti. In questo modo puoi semplicemente parcheggiare permanentemente i tuoi file più usati e più piccoli su un SSD, in altre parole senza suono e alla massima velocità, mentre lasci cartelle più grandi come i tuoi file video, che normalmente non verrebbero memorizzati nella cache, sui dischi rigidi più lenti. Un ulteriore vantaggio (poiché l'SSD è la propria entità all'interno del sistema operativo NAS) è che è anche possibile eseguire applicazioni specifiche che si eseguono sul NAS dall'SSD, come i contenitori Docker.